Notizie flash

.

Ringraziamenti e auspici Stampa
Scritto da Marco   
Giovedì 18 Aprile 2013 06:10

GRAZIE ‘1994’...e non solo!

Riflessioni di un geni-allenatore sul passato ma anche sù di un possibile futuro di, speriamo, molte di voi…

E’ finito l’ultimo campionato giovanile delle ragazze ’94.
Sembra ieri (e non è retorica) quando nella ormai distrutta palestra di Via San Pio X una squadra alle prime armi esordiva in Under 13.
Invece era l’autunno 2005: Matilde, Alessandra P., Giulia e Daniela erano davvero  poco più che bambine, ma c’erano già; poi si sono aggiunte Alessandra R., Claudia,  Francesca e Lucrezia.
Tante altre hanno partecipato a questa lunga cavalcata sportiva:  qualcuna per poco tempo, qualcuna più a lungo.
C’è chi s’è persa per strada decidendo di abbandonare il basket, chi ha spiccato il volo verso palcoscenici ancora più prestigiosi, chi ha fatto ritorno nel proprio paese, chi nella vecchia società.
Voi siete arrivate sino in fondo.
Non voglio ricordare i momenti belli di questi anni.
Sicuramente sono stati moltissimi e credo che ognuna di voi li custodisca nella propria memoria, pronta a tirarli fuori ogni tanto per riviverseli o anche solo per poter dire a se stessa:
‘Siamo state davvero brave’.
E certamente non voglio farvi tornare in mente gli attimi bui che a volte avete dovuto attraversare.
Oggi voglio solamente dirvi grazie.
Da genitore, da spettatore, da appassionato di basket.
Grazie per aver dimostrato che sport e scuola non devono necessariamente essere in contrasto.
Grazie per aver scelto di passare tanto tempo in palestra.  Sono un papà e penso ci siano molti altri divertimenti meno salutari e decisamente più pericolosi.
Grazie per avermi permesso di vedere tantissime partite emozionanti e ben giocate.
Grazie per i giorni in giro per l’Italia a partecipare a campionati, spareggi, interzona, finali e tornei. E’ stato bello. Sui campi e fuori.
GRAZIE!
A Maty, Kle, Luke, Franci, Ale, Giulia, Ronza, Dany..."ecc."..."ecc."
Non so cosa farete in futuro, nello sport o nella vita.
Da parte mia vi auguro tutto il meglio possibile e spero che anche fra venti o trent’anni avrete ancora la voglia di rincontrarvi in qualche palestra per passare una serata da ‘massaie’, andare a mangiare una pizza e, sorridendo attorno ad un tavolo, dirvi mille volte “Ti ricordi quando…”
Sono sicuro che sarà bellissimo.
Marco

 

 
Banner