Notizie flash

.

Serie C Reg contro Antares Bk Romito Stampa
Scritto da Gianfranco   
Domenica 28 Ottobre 2012 14:18

Si perde a Romito ai supplementari per un decisivo calo mentale  

Antares Bk RomitoSidus Life&Bk Genova  48 - 46  (11-9 / 8-15 / 10-13 / 15-7 / 4-2)
Romito: Borghini 8, Gili 11, Balducci 16, Persia 8, Maggiani 2, Lucignani 2, Cattoi 1, Bartolone. NE: Maggiani M., Patrone.  All. Rossi
Sidus: Ronzitti 12, Rossi 5, Gatto 10, De Ferrari 11, Biggio 4, Farinetti 2, Toncinich 2, Furolo, Tuberoni, Bozzo.  All. Cabassi – Roncarolo

Al momento di incassare il dividendo di un grande lavoro difensivo nel secondo e terzo quarto, cediamo in lucidità offensiva e di concentrazione, sbagliamo almeno 5 canestri solitari e bene imbeccate sotto canestro e, purtroppo, abbiamo anche un pizzico di notevole sfortuna, perché subire il pareggio sulla sirena con un canestro segnato buttando la palla in aria mentre si cade all’indietro non è da tutti i giorni...

L’avvio della gara è stato dedicato a cercare di costruire un gioco coerente ed equilibrato. La circolazione ha messo Ronzitti nelle condizioni di segnare due triple, 6 dei 9 punti totali. Trovato un solido assetto difensivo e, soprattutto, registrata la convinzione, nel secondo quarto, la squadra prende il volo, ribalta il parziale passivo della prima frazione e chiude all’intervallo lungo avanti di 5 (19-24). Protagonista assolutamente positiva della frazione è stata De Ferrari, capace sia di segnare in entrata, sia in tiro piazzato, sia ai tiri liberi, sia di liberare due volte a tu per tu con il canestro una fredda Gatto, sia di concludere alla sirena con una splendida tripla, a coronamento di una superba circolazione della palla. Suoi e di Gatto tutti i punti della frazione. All’intervallo il gruppo ha la consapevolezza che, al rientro in campo, Romito cercherà in tutti i modi di dare una scossa alla gara. Il confronto aveva già preso una piega “maschia” e Ronzitti, che spinge sempre l’acceleratore nelle giocate di 1c1 per un’entrata o per uno scarico, aveva già preso un gran colpo al fianco. Nel terzo quarto ne prende anche uno al naso, ma lo spavento passa dopo qualche minuto, quando rientra in campo e dopo poco riesce a riprendere il gioco, un gran bel segnale per una ragazza che l’anno scorso si era fratturata il naso. Romito spinge e gioca anche carte dalla panchina (Lucignani buca la difesa in penetrazione e segna un importante canestro), ma anche le nostre rotazioni rispondono bene con Farinetti (2) e Biggio (4), mentre le giocate dentro l’area continuano a liberare Gatto, che viene fermata in fallo, ma che segna con buona regolarità al tiro libero (3 su 4 e un 4/7 totale). Contenendo la riscossa di Romito, riusciamo addirittura a portarci ancora più avanti e a chiudere il terzo quarto 29-37, ma sprecando un più cospicuo vantaggio (anche +13!) e cominciando a dare quei segnali di smarrimento che, purtroppo, ci saranno fatali nel finale. Infatti ora il gioco si fa più frenetico e riusciamo a gettare al vento numerose occasioni: palle perse in inutili lanci lunghi intercettati, palle perse in scriteriate giocate uscendo dalla nostra area, canestri sbagliati da sole sotto canestro tirando dalla pancia, favorevoli contropiedi in sovrannumero buttati perché o forzati o non conclusi e sprecati in passaggi intercettati, distrazioni difensive di una certa gravità. Se a questo si aggiunge che sul +2, a 20 secondi dal termine, una splendida entrata in ritmo di De Ferrari è stata sanzionata di un “passi” e che, nonostante la variazione difensiva negli ultimi 19 secondi avesse confuso Romito, Borghini, nel mucchio scivola, cade all’indietro e butta la palla in alto e segna il pareggio alla sirena, allora si capisce che razza di inerzia abbia favorito le avversarie. Niente di irreparabile, tuttavia, se è vero come è vero che nel supplementare facciamo segnare solo 4 p. a Romito, che segna, come noi, un 2/4 ai tiri liberi. Ma il loro canestro segnato (Persia) non trova un nostro contrappeso. Sbagliamo, anzi, un'altra segnatura solitaria da sotto canestro e, purtroppo, non riusciamo a fare 2 p. in un paio di ottime giocate in pick and roll per Ronzitti, che, una volta, si procura una entrata di forza ed equilibrio ed un’altra riesce a prendersi con relativa calma un tiro in mezzo all’area. In più non riusciamo nemmeno a fare fallo sulle avversarie in tempo per regalarci qual che secondo in più. Peccato, perché lo sforzo difensivo era stato veramente notevole e aveva dato equilibrio e sicurezza anche in attacco. Qualcosa si è rotto, poi, nella nostra concentrazione, e ci ha fatto accelerare come se dovessimo recuperare, mentre stavamo vincendo. Abbiamo così regalato a Romito lo spiraglio per crederci, che ad un dato punto della gara avevano perso. Precipitazione ed esecuzione ci hanno affossato quando avevamo la vittoria all’orizzonte. Note statistiche. Romito ha tirato 28 tiri  liberi (!!) segnandone 13, noi abbiamo fatto un discreto 9/15.  

 
Banner