Notizie flash

.

U17 contro Polysport Lavagna Stampa
Scritto da Gianfranco   
Martedì 22 Maggio 2012 05:55

Soddisfazione per i miglioramenti in un anno di lavoro. 

Sidus Life&Bk Genova - Polysport Lavagna   43 - 34  ( 7-8 / 15-8 / 11-4 / 10-14 )
Sidus: Zazzano 4, Baldelli 3, Albezzano 2, Solari 8, Seves 2, Facchini 5, Ceccardi 13, Bruno 6, Pastorino A., Pastorino V., Sigona.   All.  Roncarolo - Giacobbe - Barsotti
Polysport Lavagna: Sciutti 7, Aldrighetti 17, Castagnola 1, Arzeno 7, Ostigoni 2, Raggio, Cresci, Cogorno.  All.  Annigoni
Arbitri:  Picasso - Metti

Prima della partita, un minuto di silenzio per ricordare la povera ragazza uccisa a Brindisi dalla follia terroristica, i morti in Emilia per il terremoto e, nel nostro ambiente, la recente scomparsa del Presidente della Polysport Lavagna, Peirano, infaticabile condottiero di una società amica, a cui va il ricordo affettuoso di tutta la Sidus...

Dopo molti mesi dalla partita di andata (8 febbraio), questo era un test importante per capire quanto sia cresciuto il nostro gruppo. Che lo fosse non c’era dubbio, ma ci interessava vedere anche quanto lo fosse, opposto alle ragazze che ci spinsero alla più bella partita dell’anno, per fortuna vincendola (di 1). All’andata le nostre uniche 2 ’96 combinarono 32 punti assieme (Solari 22, Baldelli 10), cioè più della metà del totale, sorprendendo Lavagna nei momenti clou con delle triple terrificanti. Da allora Lavagna ha perso Sanna (ci dicono che sia andata in prestito a La Spezia ??!!), che fu capocannoniere, con 14 p., assieme ad Aldrighetti, 22.  Un abbandono difficile da ammortizzare per un gruppo dai numeri ridotti, che ha lasciato Aldrighetti un po’ sola ad arginare fisicamente le nostre ragazze, in primo luogo Ceccardi, che mette a segno, pur sbagliando molto, tutti i punti del primo quarto (tre canestri ed un tiro libero). Girando bene la palla e cercandola, le abbiamo dato delle possibilità che lei ha ben sfruttato, costringendo le avversarie anche a qualche fallo. Dai 58 p. subiti da Lavagna ai 34 di oggi passa sia il nostro lavoro difensivo, sia la loro perdita di Sanna, mentre, pur segnando noi solo 43 p. rispetto ai 59 dell’andata, possiamo dire di avere mosso bene il pallone e di avere recuperato con il pressing (specie nel primo quarto) parecchi palloni, ma anche di avere sbagliato troppi tiri, nonostante fossero ben costruiti. I 13 p di Arzeno dell’altra volta questa volta diventano 7, testimoniando la difficoltà di Lavagna ad attaccarci e a distribuire punti fra le sue ragazze, qualcuna delle quali è ancora veramente una principiante.
Per parte nostra, oltre che un attacco ormai abbastanza controllato e fluido, abbiamo anche costruito anche delle discrete opzioni difensive, e di tutto ciò bisogna ringraziare tutte le ragazze, che nel corso dell’anno hanno superato dei momenti di assestamento abbastanza difficili.
Sbagliando molto al tiro e cominciando a diventare paonazze in volto, le nostre ragazze avvisano i tre allenatori presenti che il fiato è corto e che forse in diverse hanno più i libri, nelle vene, che il sangue pulsante delle sportive. Una girandola di cambi ed una difesa a metà campo ricca di collaborazioni ci mette nelle condizioni di chiudere molte traiettorie di passaggio a Lavagna. Siamo anche abbastanza brave a chiudere qualche loro contropiede con dei buoni rientri, ora dell’una, ora dell’altra. Inoltre è un bel segnale vedere che, senza ricevere alcun ordine dalla panchina, tutte si adeguano difensivamente alle singole situazioni in campo, gestendo dei cambi difensivi e andando a pressare tutto campo nei momenti giusti. I cambi sono stati tutti soddisfacenti e di buona resa ed i punti sono stati ben distribuiti.
Una partita molto positiva, condotta con sicurezza, che premia un’annata di lavoro e ci permette di avere il primo solido punto di partenza per alzare l’asticella e migliorare. Diciamo che, al punto attuale, questo gruppo è al 30-40% del suo potenziale. Al lavoro estivo!

 
Banner