Notizie flash

.

Torneo di Pesaro U17contro Basket Giovane Vicenza Stampa
Scritto da Gianfranco   
Lunedì 05 Aprile 2010 20:03

Basket Vicenza Giovane – Sidus L&Bk Genova  76-58  (23-19 / 15-11 / 19-17 / 19-11)

Basket Vicenza Giovane : Peron 15, Vicentini 17, Zanetti 4, Toniolo 8, Prospero 19, Billo 4, Reani 4, Corà 3, Drago 2, Del Santo. NE: Fanton, Serman, Marin.  All. Pirani – Carollo
Sidus : Rossi 3, Farinetti 2, Ramò 34, Ronzitti 13, De Ferrari 6, Roncarolo, Baudo, Pregliasco, Pieri, De Camillis, Furolo. NE: Savino.  All: Roncarolo
Arbitri: Bartolini di Fano e Gaggini di Pistoia

 

Con esattamente le stesse ragazze dell’anno scorso (mentre noi credevamo che una fosse un nuovo innesto, mentre sarà…cresciuta!), la Schio dell’anno scorso, che noi battemmo largamente (65-49), si rifà e si prende il trofeo...

 Si è trattata di una partita molto bella, segnata dai nostri tiri liberi sbagliati (11-25!) e dai loro praticamente tutti messi (15-19) e da alcune prestazioni che non ci aspettavamo in sede di pre-analisi della partita (soprattutto i 19 p. della play n.9, Vicentini, che non accreditavamo di tanto). Come si può vedere dai tabellini, abbiamo distribuito male i punti segnati, invertendo la nostra positiva tendenza in questo senso, ma è anche vero che per larghi tratti, specialmente nel finale, abbiamo dovuto fare a meno addirittura di tutte e due le nostre guardie più incisive (Rossi e Ronzitti), che sono state colpite duramente per tutta la gara (specialmente Ronzitti) senza essere state protette dall’arbitraggio. A metà incontro uno dei direttori di gara ha spiegato che le entrate d potenza che tagliavano la difesa vicentina, per lui erano “…delle entrate scoordinate che mettevano in condizione l’attaccante di subire fallo”, solo che i falli non venivano assegnati! Il risultato è stato penoso, per nostra play, che è dovuta uscire dopo una capriola aerea, con un forte dolore alla mascella e al collo. Tutto questo non toglie assolutamente nulla alla prestazione e alla meritata vittoria di Schio, che contro di noi non ha sbagliato praticamente nulla, mentre quasi perdeva il giorno prima contro Bologna tirando fuori ogni sorta di errore, da sotto, da fuori, ai liberi, in costruzione di gioco ed anche in difesa. In particolare, dopo lunghe fasi d’attacco alla nostra difesa, sono state Peron (2 triple decisive delle sue nel primo quarto) e Vicentini (un’altra tripla apri-difesa nel primo quarto e punti dalla media distanza e dai liberi con continuità per tutti i 4 quarti) a fare da apriscatola. Prospero, la numero 16, che contro di noi l’anno scorso segnò 1 punto, quest’anno ce ne rifila 19, segnando con precisione da ogni posizione. Inoltre per tutta la gara Vicenza, che è una squadra decisamente dotata di centimetri, raggiunge il canestro, anche in momenti in cui la nostra difesa le chiude molto bene, con degli esperti giochi di passaggio in area, che si imparano solo potendo allenare le proprie lunghe contro altrettante lunghe. Per parte nostra, ricordiamoci che una delle bomber decisive dell’anno scorso (Lanari) ci ha lasciate, smettendo di giocare, ed è comprensibile che, pur avendo allungato a dismisura gli utilizzi “veri” dalla panchina (oggi abbiamo giocato in 11, ma la 12ma non ha giocato per lasciare preventivamente molto spazio a Furolo, che aveva deluso nei giorni passati e che dovevamo assolutamente “rilanciare”), a questi livelli non è facile contribuire anche con punti altrettanto veri, oltre che con la pressione difensiva e con la costruzione del gioco. Detto delle difficoltà a stare in campo della bersagliata Ronzitti, la miglior giocatrice del torneo (su questo non c’è discussione), la nostra Ramò, diventa il terminale dei nostri giochi e mette 34 p. ben distribuiti (7 – 7- 13 e 7 nei 4 quarti), spalleggiata da De Ferrari (4-0-2-0), Rossi (3), Farinetti (2) e Ronzitti (3-4-2-4), che però “scompare” nel terzo quarto e all’inizio del quarto, per darci qualche spicciolo solo nei minuti finali della gara. Abbiamo senz’altro sbagliato troppi tiri liberi, dei pochi assegnatici. Nonostante questi dati, tra la fine del terzo e l’inizio del quarto periodo scioriniamo una magnifica ed inedita difesa press tutto campo che ci riporta sotto, con molti palloni recuperati. Il finale è da “tempo-spazzatura”, con punti-paniere per il tabellino Vicenza, a cui va tutto il nostro applauso e a cui passiamo sportivamente il trofeo conquistato (a loro spese) nel 2009. Siamo cresciute molto, come gruppo e come giocatrici. Andiamo avanti verso i nostri prossimi traguardi, a partire dagli interzona U19 a Bolsena della settimana prossima, dove incontreremo la fortissima e blasonatissima Biassono, la lontana Lecce e la Parma che conosciamo già in parte perché la incontrammo agli interzona U17 dell’anno scorso. Nel mezzo, per quattro nostre ragazze, il primo turno di playoff della serie B regionale, questa fine settimana. Elmetto in testa e andare! Grazie ragazze Sidus!  

 
 
Banner